Battiscopa: come sceglierlo e come abbinarlo

Battiscopa: come sceglierlo e come abbinarlo

Il battiscopa è il rivestimento che copre la parte inferiore delle pareti nascondendo il raccordo tra muro e pavimento: la sua funzione quindi è quella di proteggere le mura da eventuali graffi fatti dalla scopa o dall’aspirapolvere e di creare uno schermo per la polvere.

Nonostante questa sua funzione di innegabile utilità  il battiscopa può essere considerato a tutti gli effetti un elemento di design poiché può essere realizzato in diversi materiali, forme e colori che arredano con stile e completano l’ambiente rendendolo elegante e confortevole. Il battiscopa detto anche zoccolino diventa quindi un dettaglio importante assolutamente non trascurabile nella finitura degli interni.

La forma del battiscopa

Le forme più diffuse di battiscopa sono sostanzialmente 3:

  • A spigolo vivo: di forma squadrata e dal profilo diritto è adatto ad un arredamento moderno ed essenziale

  • A becco di civetta: il bordo superiore è arrotondato per dare uno dettaglio di stile in più al rivestimento

  • Con piedino: di forma leggermente arcuata nella parte inferiore.

L’altezza del battiscopa

L’altezza standard dei battiscopa va dai sei agli otto centimetri ma in commercio si trovano modelli di varie altezze, anche questa scelta dipende dall’ambiente che si deve rivestire, per esempio per un ufficio o un locale pubblico è meglio prediligere battiscopa un po’ più alti che proteggano maggiormente le pareti, in un ambiente domestico la scelta dell’ altezza dipende molto dall’ effetto che si vuole ottenere: un battiscopa basso farà apparire le pareti più alte viceversa uno zoccolino alto abbasserà visivamente la parete, e diventerà il protagonista dell’ambiente 

Come abbinare il battiscopa?

Prima di scegliere il battiscopa è necessario valutare il tipo di risultato che si vuole ottenere, se si vuole una continuità estetica con il pavimento oppure si preferisce che lo zoccolino risalti dando un tocco personale agli ambienti.

battiscopa-coloreNel primo caso di potrà applicare un battiscopa dello stesso colore e materiale del pavimento oppure scegliere un colore che si mimetizzi con quello delle pareti, bisogna  quindi valutare molto bene le tonalità di colore; Questa regola vale  anche per il bianco. Nessun bianco è uguale all’altro e la tonalità varia da produttore a produttore, per questo motivo esistono i codici ral che indicano il particolare tono di colore. Per dare continuità visiva il battiscopa si  può  abbinare anche al coprifilo delle porte.

In alternativa, quando si vuole applicare un battiscopa a contrasto, le possibilità di scelta diventano infinite, si può variare il materiale ma mantenere la stessa tonalità di colore del pavimento  oppure scegliere un colore e un materiale diverso per creare ambienti unici e personalizzati. Basta lasciarsi guidare dal proprio gusto e dalla propria fantasia o  chiedere consiglio ad un esperto del settore.

battiscopa bianco su parquet

Per consigli su come scegliere e abbinare il battiscopa non esitate a contattare Edilizia Roscini

I nostri esperti vi consiglieranno gli accostamenti migliori per scegliere il battiscopa perfetto e arredare con stile la vostra casa.

ecommerce@ediliziaroscini.com

Il consiglio in più

Può capitare che lo zoccolino non venga applicato lungo tutto il perimetro della stanza, talvolta infatti  se ne evita l’applicazione dietro ad armadi, librerie fisse e cucine, per questo motivo consigliamo di conservare qualche metro di battiscopa in più nel caso in cui decideste di variare la disposizione del vostro arredamento.



Posted on 24/07/2016 Finiture, Pavimenti 0 13617

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.
Prev
Next
Google+